mercoledì 2 dicembre 2020

Estate in SUP

Dicembre è appena cominciato, e già abbiamo avuto la prima giornata con le temperature che non hanno superato lo zero. Speriamo che il resto dell'inverno non sia così freddo, per non rovinare il ricordo di un anno che almeno meteorologicamente parlando non è stato male, con una calda e soleggiata estate.
E per fortuna che a inizio Luglio ho comprato un SUP, seguendo le indicazioni degli "esperti", visto che mi sembrava l'idea migliore per mantenere la distanza sociale almeno nei weekend, pagaiando in solitaria in mezzo al lago. Così ho avuto una buona ragione per girovagare intorno a Monaco, alla ricerca di nuove coste da esplorare sulle fresche e chiare acque dei laghetti della Baviera. A cominciare con la mia "spiaggia di casa", nella baia di Herrsching, dove spesso mi rifugio nelle calde giornate estive per rilassarmi dalle fatiche della miniera: l'Ammersee ha offerto dei bei panorami anche lunghe le coste a nord-ovest, girando intorno all'isola dei nudisti, e soprattutto a sud, con la riserva naturale, paradiso dei volatili.
Per rimanere in zona, sono tornato al Wörthsee, uno dei laghi più belli con le sue acque turchesi, e anche al Pilsensee dove ho messo per la prima volta in acqua il nuovo SUP.
Anche al lago di Starnberg ci sarebbe molto da esplorare, con i sui 50 km di costa: in questa estate ho cominciato con la zona intorno alla Roseninsel, e quella a sud intorno al centro windsurf di St. Heinrich, e per fortuna che non c'era vento, perchè sul SUP non si apprezza ;-)
Durante la vacanza in giro per la Baviera con la mamma Camilla, ho avuto il piacere di provare il SUP sui laghi del sud: lo Staffelsee vicino a Murnau, il Kochelsee ai piedi delle montagne e il Walchensee in montagna, a 800 metri d'altezza: questo lago è famoso tra i kite/windsurfisti per il suo vento termico estivo, e tanti anni fa avevo anche provato a surfarlo, per scoprire poi che essendo l'aria di montagna più rarefatta di quella di pianura, erano necessarie vele più grandi delle mie.
Non lontanto da qui c'è un altro bel laghetto in mezzo alle montagne, lo Schliersee, uno di quei laghi che d'inverno ghiaccia e diventa meta dei turisti che vogliono fare una passeggiata sul ghiaccio.
La lunga estate sul SUP si è conclusa dopo la metà di Ottobre sulle acque del Kirchsee, un piccolo laghetto di torbiera, dove qualche anno fa avevo provato per la prima volta un SUP in Baviera.


lunedì 30 novembre 2020

È passato solo un anno

... ed invece sembra passato un secolo. Esattamente un anno fa ho fatto l'ultima vacanza surfistica, sulle belle spiagge di Sao Miguel do Gostoso, ma questo strano anno passato in lockdown e smart working fanno sembrare questi ultimi dodici mesi lunghi come degli anni.
Quei giorni passati sulla costa nord-est del Brasile, a surfare ed oziare durante il giorno e girare con lo scooter per i bar e i ristoranti del paesino di sera, sembrano ricordi di un'altra vita ... per fortuna che ci sono le foto per mantenere vive le sensazioni di quella vacanza.
E almeno queste foto sono molto "soleggiate", visto che invece i primi giorni della vacanza passati a Rio de Janeiro erano stati molto grigi e piovosi.


sabato 14 novembre 2020

Tour Nord

Anche questo weekend siamo stati fortunati qua a Monaco, meteorologicamente parlando, e visto che il lockdown light ce lo permette, anche questo sabato abbiamo fatto un bel giro in (e)bici, ancora 45km, solo una coincidenza :-) .
Per il giro si parte come al solito dal Leo99, e si punta verso nord girando intorno al laghetto di uno dei quartieri residenziali di Schwabing. Dopo pochi km ci si trova già nella natura, nella brughiera della Fröttmaninger Heide, il polmone verde a nord della città, di fianco all'Allianz Arena. Dopo aver evitato la zona militare vietata al pubblico per il pericolo di inciampare su proiettili inesplosi (una zona verde usata per esercitazioni di tiro), si incrocia uno dei canali deviati dal fiume Isar, lo Schleißheimer Kanal, e pedalando lungo le sue sponde si arriva al complesso del castello di Schelißheim.
Passato il castello, si comincia a scendere verso sud seguendo un altro canale, il Würmkanal creato dal fiume Würm (lungo il quale abbiamo già fatto un bel giro il weekend scorso), fino ad arrivare al castello Hauser. Da lì, attraversando la foresta e passando vicino al laghetto di Allach, si ritorna verso la città lungo la pista ciclabile nel verde che costeggia i binari della ferrovia.
Entrando nel parco Olimpico da nord, si pedala lungo il campus sportivo dell'Università di Monaco, con le sue belle strutture per l'arrampicata libera e il bouldering, e si può fare una sosta al luogo dove un paio di anni fa è stato inaugurato il "memoriale" dell'attentato agli atelti Israeliani alle Olimpiadi del 1972, a pochi passi dal villaggio olimpico oggi usato anche per alloggiare gli studenti, che hanno anche la possibilità di colorarsi le casette a piacimento.
Ormai non manca che passare sopra il Mittlerer Ring, dare un'occhiata al BMW Welt, ai 'Pistoni' e alla struttura semi-sferica del museo della BMW, e dopo pochi km si fa ritorno al Leo99.

sabato 31 ottobre 2020

45 Km

45 km sono quelli del giro più lungo tra quelli fatti da quando ho comprato la e-bici a inizio Settembre, in un autunno mite e soleggiato che mi ha convinto ad uscire in bici anche nell'ultimo weekend di Ottobre.
Questa volta con l'amico e dirimpettaio Fernando abbiamo puntato verso nord, passando tra i viali dell'Englischer Garten colorati delle foglie d'autunno per andare a scalare la Frottmaninger Berg, dove la pala eolica domina l'Allianz Arena.
Scesi dalla collina, abbiamo attraversato l'Isar, costeggiato la Poschinger Weiher (uno dei laghetti dove fare il bagno in estate), e continuato verso est lungo la pista di test della BMW verso lo Speichersee, una riserva naturale e "zona umida" di rilevanza europea, imporante luogo di sosta di molte specie di uccelli lungo la rotta nord-sud.
Attraversato il lago sulla diga verso sud, durante una sosta per riparare una foratura (non mia, io ci metterei tutto il pomeriggio a cambiare la camera d'aria) mi sono rilassato a chiacchierare col pescatore (alla mosca) che ha tirato fuori una bella trota da un kiletto (per il sushi della sera, mi ha detto lui), da un piccolo ruscello che scorreva tra i campi.
Nel percorso per tornare verso casa siamo passati lungo i green del Golfpark München, per arrivare poi di nuovo sull'Isar alla Stauwehr Oberföhring, la struttura che devia il fiume nel canale di mezzo (Mittlere-Isar-Kanals) e luogo amato dai romantici per assistere al tramonto facendo il picnic sulle grate delle chiuse.
Il giro in bici non poteva che terminare ad un altro laghetto, quello del biergarten "di casa", la Seehaus, per godersi gli ultimi raggi di sole al tramonto di un bel sabato di fine Ottobre.

mercoledì 21 ottobre 2020

SUP Infrasettimanale

Se un mercoledì di metà (inoltrata) Ottobre ci sono quasi 20 gradi e la voglia di lavorare latita, la soluzione migliore è quella di prendersi il pomeriggio libero, caricare il SUP in macchina e puntare verso uno dei bei laghetti della Baviera.
Questa volta la scelta è caduta sul Kirchsee, un piccolo lago palustre a sud della città, dove qualche anno fa avevo fatto la mia prima uscita in SUP in Baviera.
Un bel pomeriggio rilassante, passato pagaiando lunghe le sponde del lago, immerso nei colori dell'autunno e nel silenzio della natura. Il modo milgiore per spezzare la settimana di lavoro nella miniera casalinga.